Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
martedì 3 novembre 2015

La psicosi nella malattia di Parkinson

La psicosi nella malattia di Parkinson

La psicosi nella malattia di Parkinson è molto comune e può interessare 1 su 5 malati di Parkinson. La psicosi non richiede sempre un trattamento, in particolare se le allucinazioni non creano problemi.

Infatti, ben 2 su 3 pazienti possono presentare sintomi lievi come le “illusioni non fastidiose”, per esempio, vedere qualcosa in un angolo dell’occhio che potrebbe non essere lì, come un insetto nel lavandino per un istante.

La psicosi non riguarda soltanto gli individui con disturbi psichiatrici come la schizofrenia. Essa colpisce anche pazienti con altre malattie, tra cui il malattia di Parkinson, una malattia degenerativa che disturba il movimento e l'equilibrio.

Oltre cinque milioni di persone in tutto il mondo hanno il Parkinson, alle prese con sintomi come tremori, rigidità, lentezza dei movimenti e instabilità.

“La psicosi nella malattia di Parkinson è molto comune”, secondo Michael S. Okun, MD, direttore medico nazionale alla National Parkinson Foundation e autore del bestseller numero uno di Amazon Trattamento di Parkinson: 10 segreti per una vita più felice.

In realtà, la psicosi può interessare 1 su 5 malati di Parkinson, sostiene. E ben 2 su 3 pazienti possono presentare sintomi lievi “come le illusioni non fastidiose”. Un esempio è “vedere qualcosa in un angolo del vostro occhio che potrebbe non essere lì, come un insetto nel lavandino per un istante”.

“I pazienti sperimentano soprattutto allucinazioni visive”, ha detto James Beck, Ph.D., direttore dei programmi di ricerca presso la Parkinson's Disease Foundation. Un numero minore di pazienti - dal 10 al 20 per cento - sperimenta allucinazioni uditive.

Alcuni pazienti possono anche sperimentare illusioni o false credenze fisse. Sostiene il dottor Okun nel suo scritto sulla gestione delle psicosi nel Parkinson: “Le illusioni hanno di solito un tema comune, in genere infedeltà coniugale. Altri temi sono spesso di tipo paranoico (ad esempio, pensare che le persone stiano per rubare i propri effetti personali, o per danneggiare o mettere il veleno nel loro cibo, o sostituire i loro farmaci Parkinson, etc.).

Dal momento che sono paranoie, possono essere più minacciose e un'azione più immediata è spesso necessaria, rispetto ad allucinazioni visive. Non è raro che i pazienti realmente chiamino la polizia per denunciare un furto o un complotto mirato a far loro del male.

Nelle fasi iniziali di psicosi, i pazienti tendono ad avere comprensione dei loro sintomi, sostiene Beck. In altre parole, si rendono conto che quello che stanno vedendo (o sentendo) non è in realtà lì. Ma questo può peggiorare nel tempo. Secondo Okun: “Nelle fasi successive [di psicosi], i pazienti possono essere confusi e alterare la cognizione della realtà, cioè, non sono in grado di distinguere le esperienze soggettive personali dalla realtà del mondo esterno. Le psicosi nei pazienti con Parkinson si verificano spesso inizialmente durante la sera, poi in seguito si riverseranno nel resto della giornata”. Di solito si sviluppano solo parecchi anni dopo la diagnosi di malattia di Parkinson.

Se le allucinazioni sono presenti fin dall'inizio, allora può essere un'altra condizione. Ad esempio, la demenza a corpi di Lewy potrebbe causare psicosi e può essere mal diagnosticata come malattia di Parkinson.

Questi sintomi possono essere incredibilmente pesanti sia per i pazienti che per i caregiver (chi si prende cura del paziente, ndr), ha detto Beck. Anche fare caregiving diventa più impegnativo e stressante. Alcune ricerche hanno scoperto che le allucinazioni sono state il fattore predittivo più forte per l'istituzionalizzazione.
 

Che cosa fa scattare la psicosi nella malattia di Parkinson

“Ci sono molti potenziali inneschi per le allucinazioni o per altri fenomeni psicotici; tra questi s'includono i farmaci, le infezioni e la privazione del sonno”, ha detto Okun. In particolare nella popolazione anziana, lo stress, disidratazione e le infezioni del tratto urinario possono innescare allucinazioni, sostiene Beck.

I farmaci che curano la malattia di Parkinson aumentano i livelli di dopamina nel cervello. Questo è importante, perché la malattia comporta il malfunzionamento e la perdita di neuroni che producono la dopamina, che inoltra i messaggi che controllano il movimento e la coordinazione. Ma la dopamina svolge anche un ruolo fondamentale nelle allucinazioni. In altre parole, aumentando i livelli di dopamina, questi farmaci migliorano i sintomi motori, ma possono produrre la psicosi.

La malattia di Parkinson stessa può portare ad allucinazioni. Col progredire, può mettere in pericolo la cognizione e l'elaborazione visiva, che porta alla demenza.

La psicosi non richiede sempre un trattamento, in particolare se le allucinazioni non sono fastidiose. Se non richiede alcun trattamento, i medici cercano di individuare ciò che sta causando le allucinazioni: ad esempio, se si tratta di un'infezione, possono prescrivere antibiotici. Se si tratta di un disturbo del sonno, possono prescrivere un sonnifero.

Si parla anche di un nuovo farmaco chiamato pimavanserin, sviluppato appositamente per la psicosi nella malattia di Parkinson. (Non ha ancora ricevuto l'approvazione). Invece di modulare la dopamina, questo farmaco marca la serotonina. Alcune ricerche hanno suggerito che l'attivazione di particolari recettori della serotonina può provocare allucinazioni visive; spegnendo l'attività di questo recettore e dei neuroni ad esso associati si possono alleviare le allucinazioni senza impatto sulle prestazioni motorie.

La psicosi è un grave problema per molti pazienti con malattia di Parkinson. Beck ha sottolineato l'importanza di dire al vostro medico se siete alle prese con allucinazioni o altri sintomi psicotici. “L'intervento precoce o il trattamento possono fare la differenza, migliorando la qualità della vita sia per la persona con malattia di Parkinson che per il caregiver”.

 
 


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it