Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
 
  • Parkinson: realizzato un autoimpianto di neuroni stabili e funzionali nei ratti.

    Ricercatori del Luxembourg Centre for Systems Biomedicine (LCSB), dell’Università di Lussemburgo, hanno innestato neuroni riprogrammati da cellule della pelle nei topi, per la prima volta con stabilità a lungo termine. Sei mesi dopo l’impianto, i neuroni sono diventati completamente funzionali ed integrati nel cervello.
    Parkinson: realizzato un autoimpianto di neuroni stabili e funzionali nei ratti.
  • Michael J.Fox con Intel contro il Parkinson

    Un accordo di collaborazione è quello che vede Intel unirsi alla Fondazione voluta e promossa dall'attore Michael J. Fox per lo studio sul morbo di Parkinson - da cui egli stesso è colpito - malattia neurodegenerativa tra le più diffuse, seconda sola al morbo di Alzheimer. L'obiettivo è usare hardware e software del colosso statunitense per monitorare l'evoluzione della malattia.
    Michael J.Fox con Intel contro il Parkinson
  • Robin Williams aveva i primi sintomi del Parkinson

    Robin Williams, suicidatosi l'11 agosto 2014, aveva un principio di Parkinson. Lo rivela la moglie Susan, in una dichiarazione diffusa dai media americani. «La sobrietà di Robin era intatta e lui era coraggioso mentre lottava contro la depressione, l’ansia e anche i primi sintomi del Parkinson, di cui non era ancora pronto a parlare pubblicamente».
    Robin Williams aveva i primi sintomi del Parkinson
  • Ha Parkinson e Alzheimer, ma la Regione Molise le nega il sostegno

    Un altro caso di esclusione di un malato di Parkinson dall'aiuto cui avrebbe diritto. Ancora una volta le istituzioni dimostrano di non avere l'esatta conoscenza di quella che è una piaga sociale ormai drammaticamente diffusa in Italia. I suoi famigliari dichiarano: «Vogliamo incontrare l’assessore Petraroia, deve spiegarci perché».
    Ha Parkinson e Alzheimer, ma la Regione Molise le nega il sostegno
  • Perché chi ha il Parkinson spesso non si sente motivato a finire ciò che ha iniziato?

    "Non siamo ancora arrivati?". Come chiunque abbia viaggiato con bambini piccoli sa, mantenere l’attenzione su obiettivi lontani può essere una sfida. Un nuovo studio del MIT suggerisce come il cervello realizza questo compito, e indica che il neurotrasmettitore dopamina può segnalare il valore delle ricompense a lungo termine.
    Perché chi ha il Parkinson spesso non si sente motivato a finire ciò che ha iniziato?
  • “…tu non ti senti più tu e gli altri non ti riconoscono”

    Inconcludente, ripetitiva, indolente, sospettosa, insofferente e ribelle alle regole, insonne, compulsiva… è il risultato di una specie di spirale che pian piano ti avvolge e quando ci sei dentro completamente, ti stringe e ti spinge sempre più giù, come se volesse ingoiarti.
    “…tu non ti senti più tu e gli altri non ti riconoscono”
  • Vaccino per il Parkinson: superata la fase 1

    Un trattamento che potrebbe rallentare o fermare la malattia di Parkinson ha fatto un passo verso gli scaffali della farmacia. L'industria biotech austriaca AFFiRiS AG ha annunciato i risultati positivi della prova di sicurezza di Fase I di un vaccino contro l'alfa-sinucleina.
    Vaccino per il Parkinson: superata la fase 1

ATTIVITA' LOCALI

Vedi tutti

ULTIMI VIDEO

  • Spegne il pacemaker cerebrale: ecco gli effetti del Parkinson

  • Parkinson: il paziente paga di tasca propria le carenze dello Stato

  • FMS – Foot Mechanical Stimulation, parla il Prof. Fabrizio Stocchi

  • Il prof. Abruzzese fa il punto sul Parkinson

Vedi tutti

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti

CONDIVIDI



© 2011 Parkinson Italia - All right reserved | Parkinson Italia - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Telefono e fax: +39 02 36554377 | Codice Fiscale: 96391930581 | parkinsonitalia@parkinson-italia.it