Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
lunedì 15 settembre 2014

Punding: quando i malati di Parkinson smontano e rimontano elettrodomestici senza sosta

Punding: quando i malati di Parkinson smontano e rimontano elettrodomestici senza sosta

Il “punding” è un comportamento compulsivo caratterizzato da una forte attrazione per i compiti ripetitivi, meccanici, come ad es. montare e smontare elettrodomestici o altri apparecchi.

Alcuni pazienti descrivono queste attività come calmanti e possono manifestare forte irritazione se interrotti.

La malattia di Parkinson (MP) è una patologia neurologica clinica. I sintomi principali della MP sono motori, es. tremore. Tra i sintomi non motori ce ne sono di psicologici (depressione), cognitivi (difficoltà di linguaggio e memoria) o neurocomportamentali (es. disturbi del controllo degli impulsi).

Comportamenti impulsivi e compulsivi (es. gioco d’azzardo e shopping compulsivo) sono un possibile effetto collaterale di alcuni farmaci utilizzati nel trattamento della MP. Sebbene solo una parte dei pazienti sperimenti questi comportamenti, essi possono avere un impatto distruttivo sulla vita della persona che ne è colpita direttamente e su quella di chi lo circonda. 

Il “punding” è un comportamento compulsivo caratterizzato da una forte attrazione per i compiti ripetitivi, meccanici, come ad es. montare e smontare elettrodomestici o altri apparecchi elettronici (Fasano A. e Petrovic I., 2010). Alcuni pazienti descrivono queste attività come calmanti e possono manifestare forte irritazione se interrotti (Bhidayasiri R. e Tarsy D., 2012). Nel corso di queste attività, i pazienti sono molto agitati. I comportamenti possono essere legati ad un aumentato effetto della dopamina (Oliveira M. et al., 2013).


Ecco una testimonianza di una caregiver, Viola Nicolucci (Psicologa e Psicoterapeuta) che si è trovata ad affrontare il problema.

“Mio padre soffre di Partkinson da più di 20 anni. Ha cominciato a mostrare i primi sintomi di punding circa 5 anni fa. Prima di andare in pensione, lavorava come artigiano ed era un navimodellista per hobby. Sicuramente appartiene a quella generazione di uomini che era in grado di aggiustare qualunque guasto si presentasse in casa. Se al suo lavoro e alla sua predisposizione per la manualità aggiungo la smania che alcuni anziani hanno di dimostrare che ancora possono fare le cose come quando erano ventenni, non saprei dire quanto tutto ciò ha assunto la forma di sintomi di punding.

Qual è stato il primo apparecchio a cui si è interessato? Probabilmente il televisore digitale e i telecomandi. La nostra famiglia ha sofferto l’avvento del digitale terrestre e dei decoder. Mio padre non vuole i canali televisivi ordinati nella sequenza standard predefinita dal digitale, quindi continua a “smanettare” per cambiarla e finisce per dimenticare la procedura di ripristino, dovendo così chiedere a chiunque passi di casa di risistemare i controlli (svariate volte a settimana!).

Ovviamente se interrogato, nega di essere responsabile della situazione per cui richiede aiuto, incolpando l’apparecchio e il segnale di trasmissione, sino ad arrivare a pensieri paranoidi di controllo dei media sugli apparecchi in possesso alle famiglie. Audio, saturazione del colore e controllo non sono mai adeguati, tanto che a forza di risistemarli ha cancellato i simboli sui tasti del telecomando.

Ha bruciato due schede video dentro alla televisione. Ha fatto a pezzi, senza riuscire a riassemblarli diversi telecomandi e ne ha talvolta bruciato, per abuso, le schede interne. A causa di tutto ciò, è a tratti agitato e frustrato, per non parlare dell’esaurimento dei membri della famiglia, ma alla fine dei conti la cosa peggiore è che lui si sente peggio e non ne avrebbe bisogno.

Quando la famiglia prova a distrarre la sua attenzione nel tentativo di prevenire un peggioramento dell’equilibrio psichico degli altri membri, lui nasconde i suoi oggetti come fossero tesori. Televisori e telecomandi sono stati solamente il primo grilletto del punding. Non appena metteva da parte temporaneamente questi oggetti, la sua attenzione si spostava verso: orologi, rasoi e videoregistratori.

Ho scoperto il fenomeno del “punding” nel corso di una ricerca, mentre scrivevo la mia tesi di specializzazione sulla malattia di Parkinson. Sebbene sia doloroso parlarne, spero che queste informazioni possano essere utili per qualcun altro”.

  


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it