Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
domenica 24 gennaio 2016

Un guanto tecnologico contro il tremore

Un guanto tecnologico contro il tremore

Un aiuto promettente contro il tremore della mano per chi soffre di Parkinson è stato messo a punto da studenti dell'Imperial College di Londra. Si tratta di un guanto che sfrutta una vecchia tecnologia: il giroscopio.

Nei test, la squadra di ricercatori ha constatato che il guanto riduce i tremori fino al 90 per cento.

Quando era uno studente di medicina a Londra, Faii Ong è stato assegnato alla cura di una paziente di 103 anni che soffriva di Parkinson, la condizione neurologica progressiva che colpisce il movimento di una persona. Dopo aver visto la sua lotta per mangiare un piatto di minestra, Ong ha chiesto a un'altra infermiera che cosa si poteva fare per aiutare la donna. "Non c'è niente", è stata la risposta.

Ong non ha accettato la risposta. Ha cominciato a cercare una soluzione che potrebbe compensare i sintomi del tremore da Parkinson, una malattia che colpisce una persona su 500, non attraverso i farmaci, ma la fisica.

Dopo aver valutato l'uso di fasce elastiche, pesi, molle, idraulica, e anche la robotica, Ong ha optato per una soluzione più semplice, quella utilizzata nei giocattoli infantili. "I Giroscopi meccanici sono come trottole: cercano sempre di rimanere in piedi attraverso la conservazione del momento angolare," spiega. "La mia idea era di usare giroscopi per resistere istantaneamente e proporzionalmente al movimento della mano di una persona, smorzando così qualsiasi tremore nella mano di chi li indossa."

Insieme ad una serie di altri studenti dell'Imperial College di Londra, Ong ha lavorato nel laboratorio di prototipazione dell'università per eseguire numerosi test. Un primo prototipo di un dispositivo, denominato GyroGlove, ha dimostrato che la sua intuizione era corretta. I pazienti riferiscono che indossare il GyroGlove, che Ong ritiene essere la prima soluzione di trattamento indossabile per tremori alle mani, è come immergere la mano in uno sciroppo denso, dove il movimento è libero ma rallentato simultaneamente. Nei test, la squadra ha constatato che il guanto riduce i tremori fino al 90 per cento.

Il Design di GyroGlove è semplice. Esso utilizza un giroscopio in miniatura, dinamicamente regolabile, che si trova sul dorso della mano, all'interno di un involucro di plastica attaccato al materiale del guanto.

Mentre i primi prototipi del dispositivo ancora richiedono perfezionamenti alle dimensioni e al rumore, Alison McGregor, professore di biodinamica muscoloscheletrici presso l'Imperial College, che è stato un mentore per la squadra, dice che il dispositivo "rappresenta una grande promessa e potrebbe avere un impatto significativo sulla qualità della vita degli utenti". Helen Matthews di Cure Parkinson's Trust è d'accordo: "GyroGlove permetterà di svolgere attività quotidiane, come l'utilizzo di un computer, scrivere, cucinare, guidare l'auto… a chi soffre di Parkinson", afferma.

Tra i malati di Parkinson, il dispositivo ha generato una notevole quantità di speranza, secondo Sarah Webb, fondatore della South London Youger Parkinson's Network: "Le persone con Parkinson prendono un cocktail di farmaci al giorno, che nel tempo non sarà così efficace," dice. "Il GyroGlove è un concetto stimolante e completamente diverso: qualcosa che possiamo indossare, qualcosa che può far sentire i benefici subito e qualcosa che renderà più facile la nostra vita e ci permetterà di andare avanti con la nostra vita quotidiana".

(Fonte: MIT Technology Review)


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it