Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
domenica 8 settembre 2013

Linee Guida Parkinson: i farmaci non sono la risposta per tutti i malati

Linee Guida Parkinson: i farmaci non sono la risposta per tutti i malati

Nelle Linee Guida sul Parkinson, Limpe e ISS affrontano gli aspetti farmacologici perché non esistono trattamenti risolutivi.

“La terapia farmacologica dopaminergica appare efficace nel migliorare solo alcuni dei sintomi del Parkinson, perdendo efficacia con l’avanzare della condizione e mostrandosi scarsamente utile nel modificare i sintomi assiali come disturbi del linguaggio, rigidità, alterazione della postura, del cammino e della stabilità posturale” sostiene il Prof. Fabrizio Stocchi (foto).

Tradizionalmente la terapia farmacologica nella malattia di Parkinson si avvale di due classi di farmaci: Levodopa e agonisti dopaminergici cui si affiancano poi sostanze in grado di inibire gli enzimi COMT e MAO-B responsabili della distribuzione di dopamina.

La LIMPE con l’Istituto Superiore di Sanità ha promosso e pubblicato le Linee Guida sulla diagnosi e il trattamento della malattia. Limpe e Dismov-Sin insieme sono i promotori della campagna permanente di sensibilizzazione sul tema che culminerà nella V Giornata Nazionale Parkinson del prossimo 30 Novembre.

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa causata dalla diminuzione di dopamina nella ‘sostanza nera’ cerebrale. Lo squilibrio inibitorio che ne deriva è responsabile dei disturbi motori di chi ne è affetto. Vi sono poi sintomi non motori e non dopaminergici che si palesano nella progressione della patologia e che possono anche precedere l’esordio dei disturbi motori, determinando disabilità e influenzando negativamente la qualità di vita. Essi danno scarsa responsività alla terapia con L-dopa, precursore della dopamina, che agisce nel sistema nervoso centrale ripristinandone i livelli.

La malattia di Parkinson si presenta in prevalenza in soggetti al di sopra dei 60 anni e ciò rende particolarmente critica l’elaborazione di una terapia in grado di produrre risultati efficaci, limitando gli effetti collaterali o le interazioni con altre patologie.

“A oggi non esiste un trattamento risolutivo in grado di migliorare la degenerazione e arrestare la malattia” dichiara il Prof. Stocchi che aggiunge: “Le strategie terapeutiche adottate hanno efficacia sintomatica, mirata al controllo dei sintomi senza capacità di interferire, modificandolo, con il decorso della malattia”.
Una terapia prolungata con L-dopa può portare a una riduzione nella risposta al trattamento – proprio per la natura cronico-degenerativa della patologia – e la sua breve durata di azione può determinare fluttuazioni dello stato clinico che oscillano tra benessere psicofisico (fase ON) e malessere, con riduzione delle performances motorie (fasi OFF).

Per ovviare a tali criticità la L-dopa viene somministrata in associazione a una molecola che riduce il metabolismo periferico e ne aumenta la disponibilità a livello centrale. Vi è poi una seconda classe di farmaci definiti agonisti dopaminergici che attivano i ricettori di dopamina in sua assenza e che vengono solitamente prescritti ai soggetti cui viene diagnosticata la malattia. Tali agonisti sembrano però associati a un maggiore rischio di valvulopatia, fibrosi pleuropolmonare e in alcuni casi comporterebbero un aumento di disturbi del controllo degli impulsi e della sonnolenza.

Di recente si sono studiate le relazioni e gli effetti di molti integratori alimentari come omega 3 e coenzima Q10, per identificare una loro possibile azione protettiva dei sintomi motori e non motori della malattia. Sono stati condotti trial clinici che hanno rilevato come il coenzima, pur essendo sicuro e ben tollerato non è, però, utile al trattamento della malattia, mentre per quanto concerne gli acidi grassi essenziali sono necessari nuovi studi che indaghino una loro eventuale efficacia come terapia coadiuvante.

In generale, sottolinea il Prof. Stocchi: “Le prove sugli interventi con integratori, composti vitaminici e antiossidanti non forniscono elementi tali da incoraggiare l’uso di questi prodotti nella terapia della fase iniziale o avanzata del Parkinson”.


Dalle Linee Guida appare quindi urgente l’attivazione della ricerca attorno a tre poli principali: studi clinici sui trattamenti farmacologici per il controllo dei sintomi non motori; caratterizzazione dei meccanismi di insorgenza dei disturbi del controllo degli impulsi in relazione alla personalità dei pazienti e all’uso concomitante di terapie farmacologiche;ideazione di scale validate che tengano conto dell’ambiente specifico di vita del paziente in tutte le fasi della malattia.

Sono le condizioni di ciascun paziente a delineare l’approccio farmacologico adottato dal medico, in relazione alla progressione della malattia. La valutazione clinica complessiva, a opera del neurologo per la definizione dell’approccio farmacologico, è legata alle condizioni del singolo soggetto. E comprende non solo gli aspetti della disabilità, ma anche le necessità del paziente, l’età, l’attività lavorativa e il contesto sociale in cui si muove, oltre allo stadio di progressione della patologia.

Un monitoraggio attento e costante dei possibili eventi avversi associati all’uso di farmaci antiparkinsoniani è fondamentale per migliorare l’appropriatezza prescrittiva in una valutazione complessiva dei rischi-benefici.
 



LIMPE
è punto di riferimento per i neurologi italiani interessati alla Malattia di Parkinson, alle Sindromi Extrapiramidali e alle Demenze. Attiva dal 1974, si è costituita ente morale senza scopo di lucro. L’interdisciplinarietà è alla base della propria attività insieme alla promozione della ricerca. Per LIMPE è importante istituire e mantenere un contatto con i pazienti e i familiari, nonché con le Associazioni dei Pazienti presenti sul territorio. www.limpe.it.

DISMOV-SIN è affiliata alla Società Italiana di Neurologia e alla Movement Disorders Society (USA). L’associazione ha per scopo la diffusione delle conoscenze, la formazione e la promozione della ricerca delle malattie neurologiche che comportino un’alterazione del movimento, quali la Malattia di Parkinson, i Parkinsonismi, i tremori e le distonie. Al suo attivo ha numerosi progetti di ricerca realizzati da neurologi clinici e ricercatori italiani.

 


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it