Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
lunedì 24 giugno 2013

5x1000: lo Stato ci ha “rubato” 92 milioni di Euro!

5x1000: lo Stato ci ha “rubato” 92 milioni di Euro!

Il viceministro dell’Economia e delle finanze Stefano Fassina ammette che il ‘5 x mille’ di fatto non c'è più.

L’interrogazione dell’onorevole Luigi Bobba il 29 maggio scorso, aveva chiesto al governo se i 391 milioni che l'Agenzia delle Entrate distribuirà ai beneficiari corrispondano al totale devoluto dai contribuenti.

L’onorevole Fassina, mettendo le mani avanti, ha ricordato che dalla legge Finanziaria del 2006 il 5 x mille rimane “una misura sperimentale che non è pervenuta a una stabilizzazione legislativa”. Invece, ricordiamo che sul 2 per mille ai Partiti, il mese scorso, è bastato un pomeriggio per decidere una Legge!

Alla domanda principale dell’interrogazione “poiché nel 2011, relativamente alla dichiarazione dei redditi del 2010, i cittadini aderenti all’istituto del 5 x mille sono stati 16,7 milioni e l’ importo totale risulta pari a 391 milioni di euro, se questa sia la cifra totale raccolta, oppure l’importo ricalcolato, in quanto eventualmente superiore al tetto di spesa previsto?”, Fassina, e tramite lui il Governo, rispondono con una ricostruzione meticolosa delle tante norme provvisorie emanate di anno in anno.

Citando l’art. 2, comma 1, del decreto legge del 29/12/10 n. 225, convertito, con modificazioni dalla legge 2/2/11 n. 10 si ricorda quanto scritto: «Si applicano all’esercizio finanziario 2011… le risorse complessive destinate alla liquidazione della quota 5 x mille nell’anno 2011 sono quantificate nell’importo di 400.000.000 di euro”.

Da ultimo, ricorda il Fassina, che l’art. 23 del decreto legge 6/7/12 n. 95 convertito in legge il 7/812 legge n. 135 proroga le stesse disposizioni anche per l’esercizio finanziario 2012 e ribadisce lo stesso tetto di 400mln.

Delineata quindi la “cornice legislativa” (parola grossa, vista la confusione e l’intreccio di norme, decreti e interpretazioni…) si osserva che, udite udite, “nel caso in cui le somme complessive delle scelte operate dai contribuenti risultino superiori agli stanziamenti previsti, su richiesta (su richiesta???) del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, l’Agenzia deve provvedere a rimodulare la ripartizione degli importi spettanti sulla base delle effettive disponibilità”.


Infine Fassina sputa il rospo su ciò che Agenzia delle Entrate e Governo avevano nascosto da un anno in qua (sul 5 x mille 2010 lo scippo fu di 80 milioni senza una parola di spiegazione), e dice “Relativamente all’esercizio finanziario 2011, l’Agenzia fa presente che l’importo totale ottenuto in base alle scelte operate dai contribuenti corrisponde a 487.850.599,97 euro.

Quasi 490 milioni!
 Però, spiega Fassina, “in data 30 gennaio 2013, il Dipartimento della Ragioneria dello Stato (la Ragioneria? …non dovrebbe essere la politica a fare le scelte di bilancio?) ha comunicato all’Agenzia che le risorse disponibili in bilancio sull’apposito capitolo 3094 corrispondevano a 395.012.422 di Euro”.

Sono spariti 92 milioni di Euro!

E l’Agenzia, conclusione, ha agito di conseguenza, prendendo per i fondelli i contribuenti e il non profit e trasformando, di nascosto e in modo omertoso (cioè senza spiegazioni dopo oltre un anno) il 5 x mille, che rimane scritto vergato sui moduli Irpef, in un più modesto 4 x mille.

 

(nella foto: Stefano Fassina)

[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it