Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
martedì 1 maggio 2012

Una serata indimenticabile alle Terme di Vinadio

Una serata indimenticabile alle Terme di Vinadio

Riceviamo una bellissima lettera da Giancarlo Ferrero, uno dei ballerini che ha condotto la serata di Tango Terapia a Vinadio, durante il “soggiorno riabilitativo” del 15 al 22 Aprile, svoltosi in concomitanza con XII Congresso di Parkinson Italia tenutosi a Cuneo e a Verbania.

Buongiorno a tutti, mi chiamo Giancarlo Ferrero e ballo il tango argentino da circa un anno.
Lunedì 16 aprile ho partecipato con la mia ballerina Elena Giuliano e altri amici alla serata che Claudio Rabbia, presidente dell’Associazione Parkinson Lago Maggiore Cuneo e le sue Valli, ha organizzato insieme al dottor Gianni Albani alle terme di Vinadio.

Si è trattato di una serata di “tango terapia” rivolta ai parkinsoniani che hanno aderito alla proposta del “Turismo Riabilitativo” affiancato al XII Congresso Nazionale organizzato da Parkinson Italia, della quale fa parte l’associazione Ass. Parkinson Lago Maggiore Cuneo e le sue valli.

Scrivo questa lettera per ringraziare gli organizzatori della bellissima serata di lunedì alle terme perché è stata per me un’esperienza fantastica e molto arricchente dal punto di vista spirituale: ho conosciuto alcune persone con la Malattia di Parkinson e, nonostante fossi impacciato all’inizio perché non sapevo come fare per farli ballare, loro mi hanno capito subito e mi hanno messo a mio agio. 

Io e gli altri ballerini che hanno aderito all’iniziativa non siamo insegnanti, ma semplici ballerini che tutto ancora hanno da imparare sul tango; per questo eravamo preoccupati perché non volevamo sbagliare e, soprattutto, avevamo tutti paura di provocare guai; invece, la serata si è trasformata in un insieme fantastico di emozioni, sorrisi, abbracci: io con Elena, Adriano, Maura, Luigia, Antonio, sua moglie Clara, Claudio con sua moglie Ivana, dopo la cena abbiamo timidamente preso per mano le persone del gruppo “Congresso”, ospiti della struttura, e con loro abbiamo provato a fare i primi passi del tango argentino, la classica camminata. Per noi, cosiddetti “sani”, non è nulla, ma per chi ha problemi nei movimenti è assai difficoltoso: ebbene, è stato un inaspettato successo! 

I “tremolanti traballanti” (si sono definiti così loro stessi e con simpatia ci hanno pregati di chiamarli in questo modo) sono stati persino più bravi di noi, perché mentre noi lo davamo per scontato qualche sbaglio e, di conseguenza, ogni tanto saltavamo un passo (sbagliando!), loro si sono concentrati al massimo e hanno imparato subito la sequenza degli otto passi. 

Il ballo in coppia, poi, è stato un momento bellissimo perché ogni malato, dal più giovane a quello più anziano ha trasmesso a noi “sani” una tale tranquillità che la nostra paura di “combinare guai” si è presto trasformata in gioia e abbiamo danzato insieme a loro, ridendo e scherzando per tutta la serata. 

Grazie per averci fatto sentire utili in qualcosa, grazie per averci regalato dei sorrisi, grazie per avermi permesso di fare quest’esperienza, perché per una volta mi sono sentito veramente utile a qualcosa, ho capito che è possibile fare del bene anche con poco, basta un po’ di tempo e la buona volontà; credetemi, fare felici le persone regala a chi lo fa una gioia immensa e riempie il cuore. 

Io spero che questa esperienza di tango terapia si ripeta presto nel cuneese, perché ritengo che sia importante non solo per gli effetti neurologici che il movimento può portare, ma soprattutto come esperienza di socializzazione non solo per noi, ma anche per chi è colpito da questa malattia, che spesso si isola per vari motivi, quali la depressione o il disagio di essere osservati in modo strano. 

Grazie a Davide Vacchino della Tulipano Nero Production per aver seguito le musiche e aver immortalato con fotografie e filmati, i nostri momenti più belli.

Ai due presidenti delle Associazioni organizzatrici (Lucilla Bossi e Claudio Rabbia) e al dottor Gianni Albani i miei complimenti per quanto stanno facendo, per le energie che trasfondono nella loro attività a sostegno dei malati di Parkinson e un appello: continuate su questa strada del Turismo Riabilitativo e Tango Terapia, sono percorsi importanti che permettono ai malati di uscire dai loro gusci e di non sentirsi più soli. Continuate a insistere, perché moti sono i volontari che vorrebbero essere coinvolti in queste attività e non ne sono informati: fatelo sapere di più, pubblicizzate le vostre attività sui giornali, fateci sentire utili; questo è il vero volontariato e il sorriso che noi vedremo stampato sui volti dei malati sarà quanto di più caro noi potremmo desiderare! 

Tutti noi, chi in salute chi meno, abbiamo bisogno di incontrarci e conoscerci, non siamo due mondi isolati quindi incrociamo le nostre strade e diamoci la mano: solo così la malattia non ci farà più paura e noi, tutti insieme, potremo dire di essere più forti di lei.

Grazie mille ancora a tutti e un forte abbraccio.

Giancarlo Ferrero
 


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it