Parkinson Italia - Confederazione Associazioni Italiane Parkinson e Parkinsonismi (onlus)

 
mercoledì 29 novembre 2017

12° Forum Risk Management Sanità 2017

12° Forum Risk Management Sanità 2017

                 GIULIA QUAGLINI, VICEPRESIDENTE DI PARKINSON ITALIA

Nel corso della giornata sono stati evidenziati da parte del Ministero della Salute, degli specialisti neurologi in rappresentanza di diverse regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Campania, Emilia Romagna e Umbria) obiettivi di percorso e proposte da sviluppare nel prossimo futuro.

Il Ministero della Salute, nella persona della Dott.ssa Paola Pisanti ha sottolineato, come prioritari, i seguenti obiettivi generali:

  • Migliorare la conoscenza della dimensione multidisciplinare del Parkinson e ridurre la disomogeneità degli interventi sul territorio
  • Ridare autonomia al paziente
  • Nella specificità, gli interventi da perseguire con urgenza sono stati evidenziati i seguenti:
  • Migliorare la formazione di tutti i professionisti coinvolti
  • Personalizzare le terapie
  • Realizzare strutture con terapie complesse
  • Promuovere l’adozione di PDTA nazionali condivisi

Preliminare alla realizzazione dei seguenti obiettivi è l’omogeneità dei percorsi a livello nazionale, da parte delle regioni, delle strutture sanitarie, degli enti territoriali coinvolti nella gestione della malattia e delle associazioni.

Le proposte sul tavolo di lavoro sono le seguenti:

  • promuovere la formazione degli operatori
  • migliorare la formazione dei professionisti coinvolti per la gestione multidisciplinare del paziente
  • promuovere interventi per omogeneizzare le indicazioni terapeutiche
  • definire criteri obiettivi per individuare strutture ospedaliere e ambulatoriali dedicate
  • favorire l’adozione di strumenti di gestione condivisi da parte dei differenti operatori della Rete
  • promuovere la realizzazione di strutture con disponibilità di terapie complesse

In relazione ai PDTA , in Italia se ne contano 299. Solo in tre Regioni, ad oggi, sono stati attuati (Piemonte, Toscana e Puglia). Durante il Convegno i rappresentati delle rispettive ASL regionali hanno illustrato i PDTA attuati dalle Regioni di riferimento.

Parkinson Italia nel corso del Convegno ha sottolineato l’importanza, a livello nazionale, della costruzione di una rete clinica integrata attraverso la collaborazione di regioni, aziende sanitarie, professionisti e associazioni territoriali.

La condivisione costante tra gli operatori e lo scambio di informazioni per far emergere la complessità della patologia sono il primo passo verso prestazioni efficaci e clinicamente appropriate. L’importanza di un approccio multidisciplinare integrato della malattia andrebbe fatto a partire dalla diagnosi, pensando alla presa in carico del paziente e della sua famiglia anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni di mdp del territorio.

Inoltre, è stata sottolineata l’importanza di recepire da parte delle regioni, in tempi certi, l’attuazione dei protocolli dettati dal PDTA e che il settore sanitario e socio-assistenziale acquisiscano linguaggi e modalità di lavoro condivise, attraverso un lavoro d’equipe multidisciplinare e il costante monitoraggio dell’efficacia delle cure e dei risultati, pensando anche a una formazione dedicata e strutturata degli operatori attraverso il coinvolgimento delle associazioni di mdp del territorio.


[indietro]

[torna su]

ASSOCIAZIONI CONFEDERATE

LE ASSOCIAZIONI SI PRESENTANO

Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia

Un'associazione.... tanti progetti...

COLLABORIAMO CON


Avvisami!

Metti la tua Email e saprai quando ci sono nuovi articoli.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Vedi tutti


© 2015 All right reserved | Parkinson Italia ONLUS - Via S. Vittore 16 - 20123 MILANO | Codice Fiscale: 96391930581 | Telefono: +39 348.75.85.755 | segreteria@parkinson-italia.it